Immaginate di camminare sul fondale di un antico mare tropicale ammirando le ricche fioriture primaverili e scoprendo la storia di Bologna lungo antichi pellegrinaggi, o di percorrere un torrente a poca distanza dalle porte cittadine oltrepassando vecchie cave di gesso e discutendo di lotte ambientali. Tutto questo a pochi minuti da casa.

Ecco le prime escursioni organizzate da Boschilla. Chi ci conosce sa che la nostra passione è raccontare i territori e la montagna e da oggi lo faremo assieme con delle passeggiate organizzate dalle nostre Guide Ambientali.

E’ possibile conoscere una città andando fuori città. Anzi forse si impara a conoscerla meglio, con una prospettiva più ampia, una vista dall’alto che permette di comprendere anche il più piccolo particolare incontrato lungo le vie cittadine. Le colline ai piedi di Bologna sono un esempio perfetto: naturalisticamente preziosissime e dense di storia, hanno rivestito e rivestono un ruolo fondamentale per il territorio.

Tra fiumi, calanchi, affioramenti di gesso, grotte, laghi, boschi, vie di pellegrinaggio e antiche chiese, le Guide Ambientali di Boschilla vi porteranno a pochi passi da casa con delle passeggiate “ecologiche” (raggiungibili anche con i mezzi pubblici) adatte a tutti, consentendo anche a chi non lo ha mai fatto di approcciarsi alla pratica del camminare. Questi saranno i primi due appuntamenti di un programma molto più ampio che vi condurrà dalla città ai crinali appenninici. Da oggi Boschilla vuol dire anche escursioni e scoprire in compagnia e condivisione le montagne.

N.B. A chi prenota in anticipo una delle due escursioni invieremo del materiale preparativo: testi, mappe, immagini, audio. Per noi trekking vuol dire moltiplicare i punti di vista e i linguaggi per conoscere e narrare il territorio.

 

DESCRIZIONE DELLE ESCURSIONI:

 

DOMENICA 28 APRILE
La prima escursione di Boschilla parte dal Parco Regionale dei Gessi e dei Calanchi dell’Abbadessa. Un parco davvero importante, a pochi chilometri da Bologna, che pensiamo possa permettere a chi non lo conoscesse di appropriarsi di un nuovo punto di vista sulla città e il suo territorio. L’esplosione di colori, odori e il susseguirsi di ambienti diversi renderanno l’escursione ancora più piacevole e interessante. La storia dei gessi inizia molto prima che l’Italia affiorasse dal mare, sul fondale di un Mediterraneo che a più riprese rimase isolato dall’Oceano Atlantico. Siamo tra gli 11 e I 7 milioni di anni fa, è la crisi salina del Messiniano. Il Mediterraneo diventa un bacino semiprosciugato costellato di laghi ipersalini in poche migliaia di anni. Il gesso disciolto diventa sempre più concentrato e inizia a sedimentarsi sotto forma di cristalli, come sale in una pozzanghera di acqua marina che evapora fino a formare, cristallo dopo cristallo, le scintillanti falesie che osserviamo oggi: un paesaggio lunare che ammireremo nel momento migliore dell’anno.
La traccia geologica di questi eventi è evidente appena si fa spaziare lo sguardo tra le colline che circondano Bologna, ma queste rocce ci parlano anche del medioevo, della città, della sua storia, di santi e pellegrini, di eserciti e di lotte politiche.
Puntando i crinali dei calanchi, le cui argille possiedono una storia ancora più antica del gesso, partiremo dalla chiesa di Sant’Andrea del XI secolo ad Ozzano. Con un breve giro ad anello di 10 chilometri faremo un excursus completo di ciò che il parco regionale può offrire. Toccheremo con mano gli imponenti calanchi; osserveremo tante specie di piante e animali che qui trovano la loro casa contribuendo a una biodiversità sorprendente; ci fermeremo per provare ad avvistare i mammiferi delle colline; sosteremo nei pressi di un’azienda agricola locale godendo di un panorama meraviglioso che si spinge fino alle più alte cime dell’Appennino emiliano; incontreremo pievi e chiese diroccate camminando su antichi sentieri erosi dal tempo e dagli agenti atmosferici in un paesaggio che cambia continuamente.

 

CARATTERISTICHE TECNICHE DEL PERCORSO
Lunghezza: 8,6 km
Dislivello salita: 250m
Difficoltà: E ( escursionistico)
Il percorso è semplice e adatto a chiunque con un minimo di allenamento. Il tuo cane è il benvenuto ma avvisaci prima della sua presenza. Bambini ammessi dai 6 anni in su.

COSA PORTARE:
– Acqua (almeno 1 litro a persona)
– pranzo al sacco
– scarpe da trekking
– k-way (in caso di maltempo)

PREZZO: 10 euro a persona, bambini 5 euro
Il prezzo comprende: servizio di Guida Ambientale Escursionistica e copertura assicurativa.
Il prezzo NON comprende: pranzo al sacco

 

DOMENICA 5 MAGGIO
Il percorso attraversa la Valle del Ravone, un torrente che dalle prime colline bolognesi ci condurrà fino alle porte della città, sotto la quale scorre ancora oggi. Seguendo un prezioso corridoio naturalistico, partiremo dal parco Cavaioni
situato tra il monte Paderno e il monte Pradone e costeggeremo il torrente in alcuni tratti ancora visibile.
Il rapporto che la città ha intrattenuto con queste acque ripercorre tutta la storia di Bologna e sarà al centro dei contenuti dell’escursione. Oggi la siccità del torrente compromette seriamente la biodiversità del territorio, la cui cura diventa sempre più urgente. Ci interrogheremo su questi drastici cambiamenti osservandone gli effetti e proveremo a capire come si possa invertire questa tendenza. Poco prima di raggiungere i primi insediamenti abitativi, “calpesteremo” importanti affioramenti gessosi, di origine messiniana, piuttosto limitati in questa zona ma che caratterizzano tutto il territorio collinare di Bologna, dal parco dei Gessi e dei Calanchi dell’Abbadessa a sud-est, ai sistemi gessosi di monte Capra e Tizzano a sud-ovest. Vedremo l’utilizzo e l’estrazione di questa pietra, come ha cambiato il paesaggio, gli equilibri idrogeologici e come sia stata oggetto di importanti lotte politiche per la tutela di questi ambienti. Giunti a Gaibola sosteremo brevemente nei pressi della chiesa di San Michele di origine longobarda. Da qui sarà possibile osservare tutte le altre chiese posti sui colli vicini e capire l’antica viabilità: San Luca, san Michele in Bosco, la chiesa di Casaglia e l’eremo di Ronzano verso cui siamo diretti. L’eremo è un luogo simbolo della storia cittadina: affronteremo la sua trasformazione nel corso dei secoli scoprendo come ancora oggi, dal suo viale di cipressi, si possa godere di una prospettiva privilegiata per osservare Bologna. Durante tutta la passeggiata se avremo fortuna e gli occhi ben aperti potremo tornare a casa con la “cena”, raccogliendo insieme le piante commestibili che questa stagione ci regala. Concluderemo la giornata con un aperitivo collettivo a Villa Ghigi, per creare un momento di condivisione e goderci tutti insieme il tramonto sulla città. Porta anche tu qualcosa, noi offriremo un bicchiere di vino!

 

CARATTERISTICHE TECNICHE DEL PERCORSO:
Lunghezza del percorso: 8 km
Dislivello: 200 m
Difficoltà: E ( escursionistico)
Il percorso è semplice e adatto a chiunque con un minimo di allenamento. Il tuo cane è il benvenuto ma avvisaci prima della sua presenza. Bambini ammessi dai 6 anni in su.

COSA PORTARE:
– Acqua (almeno 1 litro a persona)
– pranzo al sacco
– scarpe da trekking
– k-way (in caso di maltempo)
– pranzo al sacco

PREZZO: 10 euro a persona, bambini 5 euro
Il prezzo comprende: servizio di Guida Ambientale Escursionistica e copertura assicurativa
Il prezzo NON comprende: pranzo al sacco e biglietto bus tper.

 

REGOLAMENTO:

N.B. – LA PARTECIPAZIONE ALL’ESCURSIONE IMPLICA L’ACCETTAZIONE DEL PRESENTE REGOLAMENTO.

1) L’escursione è aperta a chiunque. Accettando il presente regolamento, il Partecipante dichiara sotto la propria responsabilità di essere in buona salute e in una condizione psico-fisica idonea alla pratica, come specificato dal grado di difficoltà nel relativo programma di escursione. Dichiara inoltre di aver fornito alla guida ogni eventuale informazione utile alla corretta valutazione della propria idoneità. La Guida inoltre non è abilitata a ricorrere a pratiche di profilo medico.
2) I partecipanti sono tenuti a:rispettare l’orario di inizio dell’escursione e il programma stabilito, adeguandosi alle eventuali variazioni apportate dagli Accompagnatori; possedere abbigliamento e attrezzatura adeguati alla pratica di trekking; rispettare le disposizioni impartite dalle Guide; seguire il percorso stabilito senza allontanarsi dal gruppo; gestire i propri rifiuti fino agli appositi cassonetti affinché l’ambiente venga lasciato senza tracce, oltre a non raccogliere fiori, piante o erbe protette.
Ogni partecipante è personalmente responsabile di eventuali comportamenti rischiosi per sé e per gli altri, in particolare nel caso in cui dovesse prendere iniziative personali nonostante il parere contrario della Guida.
3) L’attrezzatura obbligatoria e consigliata per la pratica escursionistica è consultabile nel programma di escursione relativo all’evento. I clienti non adeguatamente equipaggiati potrebbero, a giudizio insindacabile della Guida, essere esclusi dall’escursione direttamente sul luogo della partenza.
4) Il Partecipante che voglia partecipare accompagnato dal proprio cane ha l’obbligo, in fase di prenotazione, di comunicare alla guida la presenza dell’animale, per valutare l’idoneità e le modalità di partecipazione. La mancata comunicazione della partecipazione del cane o la mancata ottemperanza alle disposizioni atte a controllarlo, possono prevedere l’esclusione del Partecipante dall’escursione, anche al momento della partenza.
5) Nel corso dell’escursione verranno effettuati scatti fotografici e/o riprese video che possono essere utilizzati ai soli fini di pubblicità e documentazione dell’evento su siti di pubblico dominio. Di conseguenza, chiunque non voglia comparire nei suddetti canali di comunicazione è in diritto di richiederlo alla Guida.
6) La quota di partecipazione comprende esclusivamente il servizio di accompagnamento e di guida. In caso di condizioni climatiche avverse o di qualsiasi impedimento, la Guida può decidere autonomamente ed in qualsiasi momento l’annullamento del programma.
La partecipazione alle nostre escursioni comporta la presa visione e l’accettazione incondizionata del presente regolamento.
Si declina ogni responsabilità per incidenti che potrebbero verificarsi prima dell’inizio o dopo il termine della escursione. In caso di necessità è assicurata l’assistenza del Pronto Soccorso Alpino.

Riccardo 3465155272
Andrea 3281333052
mail: [email protected]